domenica 8 luglio 2018

Gente di mare che va via per sempre. Speriamo




Santa Margherita di Pula



Gente di mare che se ne va.

Ancora una volta, il ministro Matteo Salvini, nell’intento di attuare politiche restrittive riguardo gli sbarchi di clandestini, è stato attaccato duramente. A farlo questa volta è il settimanale “Famiglia Cristiana” che, di cristiano, pare non abbia nulla. Il nostro Salvini, reo di aver stroncato il traffico di esseri umani, spiega che nonostante i suoi oppositori,  continua a combattere la clandestinità in Italia. E' una necessità aggiungo io. Ecco il mio post che ricorda quel periodo non molto lontano.





 Il post che state leggendo - almeno spero - l’ho scritto parecchio tempo fa. Certo, allora non pensavo o non immaginavo il cambio di rotta che le Ong oggi come oggi hanno fatto. Già, queste navi della misericordia, dei benefattori dal cuore d’oro sono in piena crisi esistenziale.  Quale fine faranno e dove porteranno le preziose risorse? Troveranno governanti compiacenti che per puro buonismo, si fa per dire, daranno il consenso per approdare e depositare il loro carico umano. Scampati ad una tempesta nel Mediterraneo, "i naufraghi" vogliono approdare in un porto tranquillo e sicuro, per far loro una degna accoglienza, ovviamente con i soldi del cittadino italiano, come pretendono da molto tempo  i buonisti.

 Per ora, sappiamo che il ministro italiano Matteo Salvini ha chiuso i porti,  vietando l’attracco alle Ong straniere. Continua… Eccoci, ho fatto una pausa per bere un po’ e raccogliere altre idee necessarie per continuare. Certo, per completezza d’informazione dovrei scrivere ancora altri dieci post, ma mi rendo conto che il pubblico dei blog non riuscirebbe a seguirmi, si annoierebbe.

Per cui aggiungo ancora un paio di notizie a quanto già scritto. Molte di queste navi (Ong), dopo il rifiuto del governo,  lamentano il disagio di tutto l’equipaggio e dei passeggeri migranti. Hanno attaccato il ministro tacciandolo di persona senza cuore e privo di carità Cristiana... Care Ong, certamente il vostro lavoro consiste nel salvare vite umane nel bel mezzo del Mediterraneo alla ricerca di barconi/gommoni da recuperare.

A me sembra, però, che il Governo italiano appoggi con mezzi e uomini il governo libico ad operare ed aiutare i migranti in pericolo di vita… Basta, care Ong, se proprio volete aiutare, potete andare direttamente in Africa. Credo che sostenere quei popoli,  alla ricerca di un governo stabile e di una loro identità per crescere, sia da parte vostra un' opera meritevole. In alcuni stati africani ci sono ottomila bambini (vedi foto), che muoiono di fame. Nel vedere queste terribili immagini, si nota la grande differenza tra i giovani maschi che recuperate in mezzo al mare e i poveri bambini denutriti per mancanza di cibo. Per loro non esiste nulla, né persone buoniste, né anime caritatevoli, né navi umanitarie. Che schifo.

 Ecco il post del 15/5/2017

Ciao, più che buoniste, queste moderne oche, le chiamerei oche malefiche. Certo, lo sanno tutti che queste maledette Ong (io le chiamo navi canaglia) arrivano con i clandestini in Italia per guadagni che nessuna mente umana può immaginare, altro che beneficenza. A bordo di quelle navi ci lavorano e ci mangiano moltissime persone. Osservando bene queste navi, ci si rende conto delle dimensioni di questi natanti e di quanto siano organizzate e corredate di ogni conforto.

Certo, nessuno fa qualcosa senza un tornaconto, per cui paghiamo tasse salatissime per mantenere e mandare avanti questo business. Spero che prima o poi questo maledetto governo si tolga dai piedi. Gli italiani però facciano un esame di coscienza, devono capire bene il dramma che sta vivendo l’Italia e di conseguenza anche noi cittadini. E’ tutta colpa degli attuali governanti e di tutti i partiti della sinistra. Maledetti. Tornando alle oche malefiche, io non le conosco, non so chi siano.

 Da molto tempo ormai non guardo più la TV e non conosco i programmi. Posso immaginare la stirpe, la provenienza. Purtroppo sono messe li apposta, come dici tu, per convincere il popolo che accogliere i clandestini è una cosa buona e giusta.   Come  una centrifuga dovremmo creare una mescolanza di razze, popoli,  religioni,  colori, insomma, siamo nell’era  mondialista, e come dice il papa e le varie anime belle ( si ma col culo altrui)  dobbiamo tutti quanti amare i nostri fratelli migranti.  Credo che non ci sia nessuna speranza, per il momento, che le cose cambino, finché ci saranno soldi per l’accoglienza… In Italia l’affare migranti e diventata una vera propria industria. La Repubblica,  lo spiega molto bene, in un suo articolo dal titolo “Immigrati, ecco quanto ci costa davvero accogliere.”

 L'immagine può contenere: testo


Domenica 21 Ottobre 2018 Foto di Facebook