venerdì 18 maggio 2018

Una Nuvola Nera









Caro amato Giò, è ormai da tanto tempo che non  ci si sente più. Anzi non ci scriviamo come si faceva un tempo. Credo che qualche cosa ci resterebbe da fare  e non so ancora bene cosa. Non mi rendo conto di quello che è  successo, e perché. Bene,  le cose sono andate proprio come era scritto nel nostro destino, ma tu chiamalo pure come vuoi tanto quel che è fatto nessuno può cambiarlo mio caro Giò.    Credo che una cosa ci rimane da fare, ma non ora, mi sembra prematuro parlarne adesso. Mi piacerebbe sognare una strada  piena di stelle e cercare quella nuvola nera passeggera di cui un giorno mi innamorai perdutamente senza mai ritrovare la retta via.

Camminare in mezzo a due ali di stelle, che tutte insieme brillano e formano  un cerchio magico,   bianco e nero.  Come la vita e la morte. Questa sono io senza te. Mi sono innamorato di un amore, senza volto, senza speranza. Sono innamorato di una nuvola nera passeggera, che passa e non ritorna. Sono innamorato del tempo che non so se domani sarà onesto con me. Mi sono innamorato di una vita che non conosco, ma voglio accarezzare. Sono innamorato di una donna, dolce e bella ma non riesco a vedere o toccare. Amo la sua mente, i suoi pensieri, le sue idee, il suo modo di soffrire e gioire. Mi sono innamorato, questo basta per me.

Domenica 21 Ottobre 2018 Foto di Facebook